Cosa trapiantare a maggio per un balcone fiorito che faccia invidia a tutti

Maggio è il mese in cui le fioriture esplodono e la primavera si fa sentire più forte. Il desiderio di un balcone profumato e fiorito prima o poi invoglia tutti, ma… come fare ad averlo e come gestirlo al meglio? Ecco i pochi acquisti giusti che dovete fare e tutti i trucchi per allestire adesso un balcone che faccia invidia per tutta la primavera.

Cosa trapiantare a maggio per un balcone fiorito che faccia invidia a tutti

Come scegliere le piante più adatte al tuo balcone

La prima cosa da sapere per fare scelte idonee è l’esposizione del nostro balcone: questo ci aiuterà a scegliere le piante adatte in base a che sia in pieno sole, a mezz’ombra, o in ombra. Portare a casa solo le piante giuste e posizionarle nel punto perfetto faciliterà la gestione e ci garantirà il successo per molti mesi e, nel caso di piante perenni, anche per sempre. Per un balcone esposto a sud, che riceve quinti tanto sole, le piante ideali sono i geranei, le margherite, la lavanda, le dalie, e se avete molto spazio perché no, un oleandro oppure un agrume, per conferire al vostro balcone un aria mediterranea. Per un effetto magico scegliete le surfinie e le fucsie da appendere a vasi sospesi, in modo che ricadano riempendo anche l’aria di colori e profumi e donando profondità al vostro spazio verde. Non abbondate con i colori: la luce forte li accende creando un effetto disarmonico. Sceglietene due, massimo tre, da alternare o utilizzare per creare macchie di colore a seconda dello spazio a disposizione.

Balcone fiorito con poca luce, ecco la soluzione

Se l’esposizione è meno favorevole perché il vostro balcone è a nord, nessun problema. E’ possibile creare un notevole sfondo verde, utilizzando felci, bossi, agrifogli, magari potati in forma scultorea ed inserire poche piante fiorite che illuminino e diano carattere alla composizione, come begonie, impatientis, lobelia, daphne, helleboro, mughetto, e la regina di tutte le piante da ombra: l’ortensia. Anche da sola questa pianta è in grado di trasformare uno spazio in un paradiso. Scolpisce e disegna gli spazi in cui viene inserita, e regala fiori da recidere e portare all’interno. Per un balcone ad est o ovest potete inserire, se avete spazio, uno o più aceri per dare struttura, o un ciliegio nano, da circondare con azalee, rododendro, agerato, fuchsia, margherite di montagna, tagete, nemesia e torenia. Ricordatevi di bagnare regolarmente ma non gratuitamente: inserite sempre un dito nel terriccio ed annaffiate solo quando questo è asciutto, ma non completamente secco. Troppa acqua uccide più che poca, e se è vero che una pianta che ha sofferto la siccità può riprendersi, questo non è mai quasi vero al contrario, ovvero se una pianta ha sviluppato marciume a causa di annaffiature eccessive.


Tutte le nostre news anche su Google News: clicca su SEGUICI, e poi sul pulsante con la stella!
SEGUICI